Quando una passione unisce le persone, le fa crescere assieme!

Quella che ti stiamo per raccontare è la storia di un progetto pensato e realizzato seguendo uno degli obiettivi principali di ENACLAB: proporre servizi e attività che mirino a soddisfare i bisogni delle persone ma anche del territorio in cui, ogni giorno, l’ente si trova ad operare.

Il percorso “Tecnico E-Commerce e Web Marketing” tenutosi a Feltre, infatti, è nato proprio così: alcune aziende del bellunese hanno manifestato il desiderio e la possibilità di impiegare nei loro team di lavoro persone che avessero ricevuto una formazione professionale specifica nell’ambito del Web Marketing e della gestione delle piattaforme e-commerce.

ENACLAB si è quindi subito attivato per strutturare un percorso formativo professionalizzante che si proponeva di insegnare ad ogni allievo a:

  • progettare, gestire e monitorare campagne di web marketing ed e-commerce;
  • approfondire le tecniche di promozione del brand e di prodotto;
  • comprendere a fondo ogni passaggio dell’intero processo di gestione dell’Internet Marketing e della comunicazione sui Social Media.

Poiché noi, dello staff ENACLAB, siamo fortemente convinti che teoria e pratica siano due componenti fondamentali nella trasmissione di informazioni e conoscenze nuove, abbiamo deciso di strutturare il percorso in questo modo: 200 ore di formazione specialistica in aula che hanno fornito agli allievi la preparazione necessaria allo svolgimento dello stage, proprio presso quelle aziende che si erano dimostrate fortemente interessate alla partenza del progetto.

Dei numerosi candidati che si sono presentati alle selezioni, 10 sono risultati più in linea con il profilo richiesto. Chi?  I protagonisti di questa storia:

  • Franco, 50 anni di Cison di Valmarino (TV), con una storia amministrativa alle spalle
  • Paola, bellunese di 59 anni, una commerciale “classica”
  • Marco, classe ’68 di Treviso, manager area commerciale in Italia e all’estero
  • Cristina, cinquantunenne feltrina , esperta di telemarketing
  • Violeta, 35 anni, con esperienza lavorativa in Messico sia nell’attività commerciale sia nell’ambito artistico
  • Monia, 42 anni di Feltre, con esperienza in ambito sociale e in ambito amministrativo
  • Manuel, 37 anni di Agordo (BL)
  • Gianni, quarantaseienne feltrino, manager nel settore fieristico
  • Iara, 36 anni di Sedico (BL), si è licenziata da una grande impresa per dedicarsi alla passione del copywriting, dell’e-commerce e dei vini
  • Nereo, 42 anni di Limana (BL)

Come si può intuire, la classe si presentava davvero eterogenea, sia per questioni angrafiche sia per storie formative e professionali molto diverse tra loro, ma tutti avevano una cosa in comune, la più importante: la voglia di apprendere nuove competenze e di mettersi in gioco in un ambito poco familiare e, come dire, inesplorato.

Nel giro di pochi giorni, come spesso accade, sono nate relazioni personali che sono poi diventate amicizie, relazioni di supporto e di squadra.
Il gruppo a poco a poco ha incontrato tutti i docenti e anche con loro si è creato fin da subito un buon affiatamento: tutti uniti per raggiungere il più alto livello possibile di conoscenze e di competenze.

Non è facile frequentare 200 ore di formazione in poco più di 5 settimane, percorrendo decine di chilometri mattina e sera, ma il gruppo si è stimolato a vicenda ed è arrivato alla fine delle ore con grande soddisfazione.

Dopodiché è arrivato il momento tanto atteso: quello della definizione dei tirocini. Le emozioni erano tante: c’erano ansia, aspettativa e anche un po’ di tensione: “In che azienda andrò? Come sarà? Quando si inizia? Avrò possibilità di rimanere? Sarò all’altezza? Cosa pretenderanno? Cosa cercheranno?
Il tutor del corso ha gestito le richieste, le esigenze e le preferenze di ciascuno, cercando di rispettare da un lato ogni allievo e la sua storia personale e professionale, dall’altro anche il gruppo nella sua totalità, senza dimenticare le aspettative delle aziende e le loro “criticità”.

Le sette aziende coinvolte sono rimaste tutte favorevolmente impressionate dalla professionalità dimostrata dai nostri 10 allievi: alcune di esse, già dopo poche settimane, avevano carpito le potenzialità del tirocinante e, in previsione di un inserimento post stage, hanno sfruttato al meglio il periodo formativo, cercando di insegnare il più possibile e di coinvolgere lo stagista nei processi aziendali.

Ed è proprio quando si sentono accolte, valorizzate e rispettate, che le persone danno il meglio di sé, nel lavoro come nella vita.

Purtroppo non in tutte le aziende le opportunità di formazione sono risultate esattamente all’altezza delle aspettative. Tuttavia i partecipanti sono stati comunque contenti di mettere in pratica almeno una parte di quello che avevano imparato durante le ore di formazione in aula.

Dei nostri 10 protagonisti:

  • Paola non ha svolto il tirocinio, ma sta mettendo in pratica tutto ciò che ha imparato durante la formazione e sta realizzando il suo sogno (sta facendo della sua passione artistica un lavoro. Dice che il corso le ha dato proprio quello di cui aveva bisogno);
  • Marco ha trovato un nuovo lavoro;
  • Monia ha abbandonato con dispiacere il tirocinio di cui era estremamente contenta, perché l’attendeva un contratto di lavoro a tempo indeterminato in un settore che l’appassionava di più e in cui poteva vantare maggiori competenze;
  • Manuel si è ritirato per motivi personali;
  • Gianni ha da poco terminato lo stage e sta sostenendo diversi colloqui;
  • Iara sta facendo diversi colloqui e sta collaborando con alcune aziende che operano nel settore del Web Marketing;
  • Franco, Cristina, Violeta e Nereo hanno ottenuto un contratto di lavoro nell’azienda in cui hanno svolto il tirocinio, chi di 3 mesi, chi di 3 e poi 6, chi di un anno.

Persone diverse, come diverse sono state le esperienze che hanno vissuto: tutte le parti coinvolte nel progetto, però, sono rimaste davvero soddisfatte dell’iniziativa.

Una delle cose che più ci è piaciuta è stato che il legame creatosi tra allievi e tra allievi e docenti si è mantenuto nel tempo: è bello sapere che, grazie ad un percorso formativo comune, i nostri allievi si portano a casa non solo delle proposte di contratti lavorativi ma anche relazioni di amicizia durature.

 

Schio (VI), 3/05/2017