"Il mio obiettivo? Coinvolgere gli allievi": intervista ad Annamaria, docente del corso OSS

Il percorso formativo per diventare Operatore Socio Sanitario è promosso da ENAC ormai da 10 anni. In questa intervista una delle docenti del corso ci racconta come organizza le sue lezioni e che cosa le piace dell’esperienza di docenza in ENAC.

Ciao Annamaria. Noi ormai ti conosciamo bene grazie alla preziosa collaborazione che abbiamo instaurato, ma perché non racconti chi sei anche ai nostri lettori?

Certo, con molto piacere!

Buongiorno a tutti, mi chiamo Annamaria Carollo, e da due anni vengo contattata da ENAC per insegnare al corso per Operatore Socio Sanitario. Le ore di docenza che tengo io sono circa 20, 25, durante le quali spiego agli allievi gli argomenti del comfort e dell’igiene ambientale.

Come sono strutturate le ore di lezione?

Per una scelta personale, le mie ore di lezione hanno come obiettivo principale il coinvolgimento dello studente. Mi piace che gli allievi non assistano alla classica lezione frontale con l’insegnante che spiega e loro che prendono appunti e ascoltano. Credo molto nell’interazione: le mie lezioni hanno una parte teorica, ma ci sono anche tante ore di laboratorio pratico. Mi spiego meglio: cerco sempre di inventare delle situazioni per farmi dire da loro che cosa farebbero, se si trovassero in quelle condizioni. Posso dire che questo metodo viene molto apprezzato, anche perché permette ai partecipanti di conoscersi meglio e interagire tra di loro per fare gruppo.

Cosa ti piace dell’insegnamento in ENAC?

Accetto sempre molto volentieri di svolgere questa docenza per ENAC principalmente per due motivi. Innanzitutto perché mi trovo a lavorare ed insegnare in un ambiente sereno; e poi perché ho la possibilità di mettere la mia esperienza e la mia professionalità a servizio degli studenti, ai quali ogni anno insegno e trasmetto quella che è la mia passione verso il mio lavoro.

Durante le varie edizioni di questo corso ho sempre avuto un ritorno più che positivo; incontro persone nuove, che hanno età differenti e hanno alle spalle esperienze di vita diverse. Quello che mi colpisce di più è il processo di “formazione” che vede protagonisti i miei allievi: all’inizio, quando si iscrivono al corso, non sanno che cosa significhi nel particolare andare a fare l’operatore socio sanitario; poi, lezione dopo lezione, mi accorgo di come stanno crescendo e del fatto che ogni giorno diventano più consapevoli di ciò che andranno a fare.

È questo che mi entusiasma e che fa sì che ogni anno, quando mi viene chiesto, accetto volentieri di insegnare in ENAC.


Grazie Annamaria, per aver condiviso con noi le impressioni davvero positive che l’esperienza dell’insegnamento in ENAC ti ha lasciato. Siamo davvero onorati del fatto che tu sia una delle nostre docenti! Cos’altro possiamo aggiungere? Beh… che ci vediamo alla prossima edizione del corso per Operatore Socio Sanitario! 🙂

Per qualsiasi informazione sul corso per Operatore Socio Sanitario chiamaci allo 0445 524212 o scrivici a schio@enac.org

Schio (VI), 05/06/2017